Master Smea: dallo stage, al diploma, al lavoro

Presentazione

lavoro..jpg

In queste settimane, alla Smea si diplomerà la maggior parte degli studenti del Master in Management agro-alimentare. Dopo otto mesi di lezioni in aula, iniziate nell'autunno dell'anno scorso, dalla tarda primavera di quest'anno gli studenti hanno proseguito l'attività di formazione attraverso gli stage nelle numerose aziende partner dell’Alta scuola di management ed economia agro-alimentare dell'Università Cattolica di Cremona.

Da sempre lo stage è uno dei punti di forza di Smea, e rappresenta il momento più intenso dell’incrocio tra insegnamento accademico, formazione sul campo, collaborazione tra università e mondo delle imprese.

Non solo: in Smea è un vero e proprio ponte tra formazione e lavoro: nella stragrande parte dei casi, dopo il diploma, lo stage si trasforma in un posto di lavoro.

D'altronde è grazie a questi risultati che il Master Smea gode da anni del patrocinio di Federalimentare e dall'accreditamento Asfor (Associazione italiana per la formazione manageriale) che comporta il rispetto di un criterio molto impegnativo: almeno l'80% dei diplomati deve trovare un'occupazione soddisfacente entro sei mesi dal termine dei corsi.

Le aziende partner sono tutte di primo piano, tra questa si annoverano Sipcam specializzata in agrofarmaci, il Consorzio Agrario di Cremona e il Crefis, Centro ricerche economiche sulle filiere suinicole. E poi ancora Selex, Auchan ed Esselunga nel campo della grande distribuzione; Tomato Farm, Ponti Natura e Monini nell'ambito dell'industria alimentare.

In queste realtà, nel corso dei mesi di stage, gli studenti del Master Smea sono stati impegnati in varie funzioni centrali della vita aziendale: dal controllo di gestione all'assistenza di direzione; dal supply chain management al marketing research; dall'affiancamento al responsabile commerciale all'assicurazione di qualità.

Data
13 dicembre 2016