Di Rubbo Pasquale

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie - A.A. 2004/05

University of Connecticut (USA)

UCONN University. Due parole che insieme mi ricordano divertimento e interazione, formazione e confronto accademico.
L'Università del Connecticut è collocata geograficamente tra Boston e New York, è facilmente raggiungibile in auto, un po' meno in autobus. È a soli15 minuti di macchina dalla capitale del Connecticut, Hartford, città che offre tutto quello che un Italiano desidera, dal prosciutto di Parma alle sfogliatelle napoletane. Con la sua Little Italy, Hartford rappresenta un vero ritorno all'Italia degli anni '70 popolata da personaggi unici provenienti da ogni parte d'Italia.
La UCONN, sebbene in qualità di Master student, mi ha regalato dei momenti di intensa gioia. Le occasioni per fare feste e festini davvero non mancano e l'Italiano in questo è sempre in prima linea. Quando si è stanchi del Campus, si può facilmente ossigenare il cervello con un salto a NYC o Boston, se queste non bastano vi consiglio le Bahamas. Quest'ultima destinazione è stata la mia meta dello Spring Break, periodo in cui gli undergraduates americani si recano in posti caldi dei Caraibi. Un viaggio ai caraibi può essere particolarmente indicato specie quando nel periodo invernale il campus raggiunge temperature di circa -25°C.
La UCONN rappresenta l'università pubblica più importante del New England, presenta 30.000 studenti da ogni parte del mondo, che hanno accesso a numerosi servizi, dal campo di golf, Polo, equitazione, piscine olimpioniche, rugby e calcio a servizi efficientissimi che riguardano la polizia universitaria, vigili del fuoco, ospedale e biblioteca, ovvero tutti quei servizi che fanno della UCONN un vero CAMPUS Americano.
La mobilità nel campus è affidata alla bici o a shuttle buses, un po' meno ai piedi. Il campus è particolarmente grande, a piedi occorrono più di 50 minuti per raggiungere le due estremità. Ho acquistato una macchina usata che mi ha permesso con maggiore flessibilità di raggiungere qualsiasi tipo di destinazione. Ricordo che gli amici con la macchina non mancano mai. I pullman sono davvero un disastro dalla UCONN, un po' meno da Hartford verso Boston e NYC.
Bene, arriviamo all'aspetto principale per cui si va all'Università del Connecticut. Il dipartimento di Agricultural and Resource Economics è tra i dipartimenti con il ranking più alto al mondo. Offre l'opportunità di crescere in un ambiente dove la ricerca è pane quotidiano. I corsi del Master sono particolarmente avanzati, sono richiesti settimanalmente homeworks che facilitano l'apprendimento e a volte l'impegno che richiedono è particolarmente elevato. Non dimenticate che lo studio può essere alternato a breve pit stop di relax a New York o a Boston.
Le opportunità di interazioni con Professori di alto calibro non mancano, a questo aggiungo anche la classe degli studenti, che a volte mostrano forte competizione e voglia di raggiungere le vette del K2 a fine studi.
Sono numerosi i seminari a cui è possibile partecipare, non mancano relatori di Università come Davis, MIT, Chicago school o Yale. Ricordo brevemente che il dipartimento di Agricultural and Resource Economics è molto improntato alla ricerca e poco al business. Vi assicuro che gli argomenti affrontati durante il master si concretizzano tutti e davvero in pochi casi rimangono come nozioni puramente teoriche.
Dicembre 2007

Nome intervistato
Pasquale Di Rubbo
Ruolo intervistato
Studente presso University of Connecticut (USA), Dicembre 2007